I nostri Ambasciatori

Chi sono gli Ambasciatori della Fondazione di Ricerca in Neuroriabilitazione San Camillo Onlus?

Che cosa significa essere Ambasciatore? 

Sono dei cari amici che hanno condiviso con noi la loro esperienza, che hanno fatto insieme a noi un tratto di strada, sostenendoci con la loro testimonianza, presenza o le loro capacità.

Ecco chi sono:

Francesca Porcellato

"Crederci sempre, mollare mai"

Francesca Porcellatopluricampionessa paralimpica e mondiale, è nata a Castelfranco Veneto (Treviso) e vive a Valeggio sul Mincio (Verona).

Soprannominata "La Rossa Volante" per le sue innumerevoli vittorie e per la sua folta chioma di riccioli rossi, gareggia sia nello sci di fondo che nell'atletica leggera (dai 100 metri alla maratona), detenendo un vasto palmares di Campionati Italiani, Europei e Mondiali.

Francesca, una delle atlete più note in Italia e nel mondo, è paraplegica dall’età di 18 mesi, quando un camion la investe facendo manovra nel giardino di casa, ma la lesione midollare non ha ostacolato la realizzazione dei suoi progetti negli anni a seguire.

Sin da giovanissima ha cominciato con la corsa in carrozzina per poi, nel 2006, iniziare anche con lo sci di fondo.
Decana della Nazionale di Atletica leggera"Regina delle Paralimpiadi" come l’ha definita un giornalista, ha partecipato a ben sei edizioni dei Giochi Paralimpici Estivi (Seoul 1988, Barcellona 1992, Atlanta 1996, Sydney 2000, Atene 2004 e Pechino 2008) e a tre edizioni invernali (Torino 2006, Vancouver 2010 e Sochi 2014) conquistando complessivamente 11 megaglie, di cui 3 d’oro, 3 d’argento, 5 di bronzo, in tutte le discipline dell’atletica leggera. L'ultima medaglia d'oro arriva nello sci di fondo, nel km sprint, alle paralimpiadi invernali di Vancouver 2010 e l’ha inserita tra le poche atlete al mondo ad essersi laureata campionessa paralimpica sia ai giochi estivi che a quelli invernali.

Nel 2008 è stata portabandiera azzurra ufficiale della squadra italiana durante la cerimonia di apertura dei Giochi Paralimpici Estivi di Pechino.
Ai Campionati del Mondo (nella specialità corsa 100m, 200m, 800m) ha collezionato 9 medaglie, di cui 4 d’oro, 3 d'argento e 2 di bronzo. Ai Campionati Europei ha conquistato 10 medaglie, di cui 7 argenti e 2 bronzi.

Ha corso 98 maratone vincendone 74, tra queste ha tagliato il traguardo per prima a New York, Seoul, Parigi, Roma e a Londra, dove ha vinto per 4 volte consecutive. E’ stata l’ultima italiana ad aggiudicarsi nel 2001 la maratona di New York. E’ stata detentrice del record mondiale nella maratona con il tempo 1h.38’.29”; nove sono i record italiani detenuti (dai 100 metri alla maratona) e ben 96 i titoli italiani conquistati.

A Francesca Porcellato sono state conferite numerose onorificenze dai Presidenti della Repubblica Giorgio Napolitano e Carlo Azeglio Ciampi: il Collare d'Oro al Merito Sportivo e i gradi onorifici di CavaliereUfficiale e Commendatore dell'Ordine al Merito della Repubblica Italiana.

Francesca è una donna straordinaria, una campionessa nello sport e nella vita.

www.francescaporcellato.it

Andrea Rosso

Curiosità e passione sono le caratteristiche principali di Andrea Rosso e del suo team di 45 giovani dalla mente aperta e dalle idee innovative.
Nato e cresciuto a Bassano del Grappa (Vicenza), Andrea è rimasto nella sua città natale per stare vicino alla famiglia, ai suoi amici e ai comfort che alimentano la sua creatività.

Musica, grafica, arte, mercati vintage sono input importanti per far sì che riesca a portare la sua azienda verso nuovi traguardi.
Cosa ha imparato dalla sua famiglia? Semplice: rischiare.
Andrea è un discendente dell’impero Diesel, non è quindi una sorpresa che sia istintivamente portato al fashion business.

Ha studiato modellistica a Padova, e poi, studiando inglese in California, ha scoperto la sua passione per sport non convenzionali, come skate, surf e snowboard. Da lì si è spostato a New York per studiare Sviluppo Tessile e Marketing all’Istituto Moda di Tecnologia, e più recentemente ha cominciato a lavorare su 55DSL.

Inizialmente infatti 55DSL era una capsule collection in mezzo al grande mondo Diesel. Ma con l’esperienza di Andrea nel settore e la sua mentalità di sport-meets-street, 55DSL ha sviluppato velocemente una propria identità.

Andrea ha messo in piedi vari progetti artistici e ha scelto le persone adatte a creare un gruppo di esperti all’interno dell’azienda per sostenere le comunità artistiche in tutto il mondo.
Oggi 55DSL è diventato un business multinazionale di successo che comunque mantiene la mentalità street dalla quale è nato.
Capire da dove arriva l’attitudine e l’ispirazione di 55DSL è chiaro solo guardando l’ufficio di Andrea. Uno scaffale gigante si piega sotto il peso di libri di vario genere, di grafiche Thai, posters di Star Wars, paracadute della seconda guerra mondiale e storia dei Balcani. Ancora maggiore impressione fanno le cianfrusaglie dei competitors. Anche in questi Andrea trova la sua ispirazione. Come ogni grande leader, impara dai suoi concorrenti ciò che hanno da insegnare, e loro lo accolgono a braccia aperte.

La strategia anticonformista di Andrea farebbe venire le palpitazioni a qualsiasi imprenditore convenzionale: circondarsi di collaboratori che pensano in modo libero ed estremo. Questo è il modo di fare di Andrea. Alcuni lo potrebbero chiamare rischioso, lui lo chiama semplicemente 55DSL!

Andrea è il nostro ambasciatore giovane, libero e dinamico, un caro amico della Fondazione San Camillo Onlus e degli operatori dell’IRCCS Ospedale San Camillo.

Un ricordo particolare

Olivia Rabbaglietti

Nella pagina degli Ambasciatori non può mancare il ricordo di una cara amica, Olivia Rabbaglietti.

Avvocato, residente da anni al Lido di Venezia, è stata membro del Comitato Etico dell’Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico (I.R.C.C.S.) Ospedale San Camillo dal 2007 fino alla morte, come rappresentante del volontariato per l’assistenza e l’associazionismo di tutela dei pazienti.

Olivia è stata infatti coordinatrice del gruppo A.M.A. - Associazione Melitense Ammalati (Ordine di Malta) - del Lido di Venezia, e volontaria con grandissima regolarità, dedizioneabnegazione nei reparti dell’ospedale dal 1999, in particolare tra i malati di sclerosi multipla.

E' stata anche anche volontaria, ambasciatrice e sostenitrice della Fondazione di Ricerca in Neuroriabilitazione San Camillo Onlus, per la quale è sempre stata un punto di riferimento in tutti i momenti di solidarietà e di raccolta fondi.

La sua passione contagiosa, la disponibilità costante, la vasta cultura e la grande generosità accompagnata dalla riservatezza che la conduceva sempre lontano dai riflettori, lasciano un ricordo indelebile in quanti l’hanno conosciuta.

Sono moltissimi i pazienti che hanno beneficiato della compagnia e dell’aiuto di Olivia, anche dopo il periodo di ricovero in Ospedale. Alcuni di loro hanno ricevuto da lei anche un sostegno economico, nel massimo riserbo: continui gesti di concreta solidarietà, piccoli e grandi, compiuti con nobile disinteresse, senza chiedere nulla in cambio.

Olivia è mancata il 22 ottobre 2012. La Santa Messa esequiale è stata celebrata il 26 ottobre nella chiesa della Visitazione della Beata Vergine Maria (Santa Maria Elisabetta) al Lido di Venezia. Ha presieduto la celebrazione eucaristica mons. Giacomo Marchesan, delegato del Patriarca di Venezia per la Vita Consacrata, concelebranti don Giancarlo Iannotta vicario foraneo del Lido, Padre Mariano Florio superiore della Comunità Religiosa Camilliana di Venezia e Padre Eugenio Sartore assistente spirituale dell’IRCCS Ospedale San Camillo e della Famiglia Camilliana Laica di Venezia.

L’IRCCS Ospedale San Camillo, la Comunità Religiosa dei Camilliani, il Comitato Etico, la Fondazione di Ricerca in Neuroriabilitazione San Camillo Onlus, tutto il personale e i pazienti ricordano commossi Olivia, con grande riconoscenza.

Queste semplici righe sono un doveroso ma sentito ricordo corale, per una grande amica ed ambasciatrice che non dimenticheremo.